La scorsa settimana sono circolati dei rumors relativi alla soluzione dell’annosa questione dell’exchange Mt Gox, fallito nel 2014 in seguito a un furto di centinaia di migliaia di bitcoin. Secondo queste ipotesi, rilanciate oscenamente da stampa e divulgatori senza uno straccio di verifica preventiva, il 15 dicembre i creditori sarebbero rientrati in possesso delle criptovalute perse. Ma è davvero andata così?

In questi giorni si è parlato di un possibile crollo del prezzo dovuto alla distribuzione dei bitcoin da parte del tribunale di Tokyo che ha competenza sul caso. Il tribunale detiene circa 162.000 degli originali 850.000 BTC un tempo in mano al fallito exchange giapponese, da ripartire fra tutti i creditori legittimi. La scadenza, secondo le indiscrezioni circolate la scorsa settimana, sarebbe stata fissata per la data di oggi, 15 dicembre 2020.

Che cosa è veramente successo oggi?

In realtà i creditori di MtGox sapevano benissimo che non ci sarebbe stata nessuna distribuzione, e tantomeno nessun crollo del prezzo. La scadenza del 15 dicembre riguardava una sola persona, il curatore fallimentare fiduciario Nobuaki Kobayashi, il quale, entro oggi, avrebbe dovuto presentare alla corte un piano di riabilitazione.

E, a tal proposito, ringrazio gli amici di Bitcoinyou.it e nello specifico Simone Cantarini, i quali ci hanno fornito la testimonianza di un loro cliente che è tra i creditori dell’exchange Mt Gox. 

La buona notizia per i creditori è stata che il piano è stato effettivamente presentato alla corte. Non si trattava di una notizia così scontata, infatti in passato la scadenza in questione era stata più volte rinviata, proprio da parte dello stesso Kobayashi.

Per quando è attesa l’effettiva distribuzione dei 162.000 bitcoin MtGox?

Il tribunale ora dovrà esaminare il piano di riabilitazione proposto dal curatore, per poi pronunciarsi sull’istanza presentata da Coinlab (un’azienda che sostiene di essere creditrice del defunto exchange). Difficile attendersi una distribuzione entro il 2021 e più ragionevolmente si dovrà attendere il 2022.

I creditori sperano di ottenere, tra bitcoin, bitcoin cash e denaro fiat, circa il 20 % di quanto perso al momento dell’attacco hacker.

Nel 2018 il curatore fallimentare Kobayashi, ancorato alla logica “fiat”, aveva iniziato a vendere in open market parte dei bitcoin in suo possesso, provocando effettivamente un crollo del prezzo sui mercati e guadagnandosi il soprannome di Tokyo whale (la balena di Tokyo).

I creditori in seguito, sono riusciti ad ottenere l’approvazione di un’istanza per il rimborso non in valuta fiat ma direttamente in bitcoin, cosa comunque insolita per un tribunale.

Considerazioni finali

Non c’è dubbio che l’incertezza determinata dalle notizie mendaci diffuse la scorsa settimana, abbia contribuito al pullback di bitcoin fino al supporto in area 17500 dollari e, ragionevolmente, abbia indotto erroneamente più di qualcuno a vendere i propri bitcoin sotto i 18000 dollari, su livelli di prezzo che invece hanno attratto gli acquisti massicci dei grandi investitori.

Questa esperienza dovrà servire per comprendere l’importanza delle fonti da cui ci si informa. Quando si opera nel settore degli investimenti, è importante ragionare sempre con la propria testa e lasciarsi influenzare il meno possibile dal rumore di fondo delle notizie esterne, spesso veicolate ad arte per confondere le acque.

Per formare le vostre opinioni, rivolgetevi esclusivamente a fonti che divulgano notizie perfettamente verificate e che abbiano come unico obiettivo quello di fare informazione e non sensazionalismo o clickbaiting, purtroppo sempre più diffusi nel settore crypto.

Affidarsi a una fonte sbagliata, può rivelarsi estremamente deleterio.

Qui nel blog Bitcoin Facile, così come nel canale telegram o nel gruppo facebook, non leggerete mai notizie che non siano prima state accuratamente verificate.

 

Canale Telegram Bitcoin Facile

Commenti

commenti

Facebook
Visit Us On Twitter